NEWS E EVENTI //
SINA PER IL SOCIALE
Pordenone, la Scuola Nazionale Libertas di Canoa inaugura il nuovo pontile

Nell'ambito delle proprie attività rivolte a sostenere iniziative di carattere sociale sul territorio, la nostra Azienda, attraverso il marchio SINA PER IL SOCIALE, contribuirà nel corso di quest'anno al progetto DONNE IN ROSA, in collaborazione con l'ANDOS e la Polisportiva Libertas Provinciale.

 
Tutte le cariche istituzionali erano presenti all’inaugurazione del nuovo pontile al Lago della Burida, che ha sancito una svolta epocale nella valorizzazione di una risorsa del nostro territorio tanto preziosa quanto misconosciuta.

Oggetto di un’infinita serie di progetti mai portati a termine, finalmente il Lago della Burida compie il passo decisivo, grazie alla perfetta convergenza di intenti fra le diverse parti, la FRIEL proprietaria del lago, il comune di Porcia, il comune di Pordenone, la Libertas Provinciale di Pordenone, il Gruppo Kajak e Canoa Cordenons, l’associazionismo locale, il Rotary Club Pordenone Alto Livenza. 

Il nuovo pontile, che permetterà ai canoisti di entrare in acqua in tutta sicurezza, apre nuove possibilità alla Scuola Nazionale Libertas di Canoa “Barbara Nadalin”, che, istituita sulle rive del lago poco più di un anno fa con la costruzione della casetta di legno ad uso deposito canoe e uffici, è già partita con il progetto in corso “Donne in rosa” in collaborazione con l’ANDOS di Pordenone ed entrerà presto a regime con la paracanoa, rivolta ai diversamente abili.

I numerosi interventi, presentanti dalla brillante “donna in rosa” Sandra Varaschin, sono stati aperti dal padrone di casa Ivo Neri,presidente del Centro Provinciale Libertas di Pordenone, che ha ringraziato il Rotary Club, la ditta Palazzetti e Sina per il Sociale,che hanno reso possibile la realizzazione di qesto ambizioso progetto.

 
 
© 2017 SINA SpA Concessionaria Ufficiale Fiat, Alfa Romeo, Lancia, Abarth, Jeep, Nissan, Volvo, KIA, Subaru. Tutti i diritti riservati.
P.IVA: 00218470938 - Cap. Soc. 1.000.000 i.v.
Privacy | Credits: Mediastudio